Progetti Infanzia

AVVIAMENTO AL GESTO GRAFICO

AVVIAMENTO AL GESTO GRAFICO

Progetto Avviamento al gesto grafico Metodo Primavera Docenti specialisti Susanna Primavera e Irene Bertoglio anno scolastico 2017/2018 La Scuola dell’Infanzia...
Read More
STAR WATER IL RISVEGLIO DELLA FALDA

STAR WATER IL RISVEGLIO DELLA FALDA

Il giorno 31 ottobre e il giorno 2 novembre i bambini grandi e mezzani della nostra scuola hanno partecipato al...
Read More
PROGETTO I.R.C.

PROGETTO I.R.C.

Il progetto di Insegnamento Religione Cattolica si svilupperà seguendo 10 punti ( suggeriti dal testo : “storie per parlare di...
Read More
PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2017/2018 “IL VILLAGGIO FELICE”

PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2017/2018 “IL VILLAGGIO FELICE”

Partendo dal proverbio africano: “Ci vuole un villaggio intero per crescere un bambino”, la programmazione didattica dell’Anno Scolastico 2017-2018 dal...
Read More
PROGETTO PSICOMOTRICITA’

PROGETTO PSICOMOTRICITA’

ANNO SCOLASTICO 2017/2018 Il corpo Conoscere il proprio corpo, le sue caratteristiche e le sue potenzialità consente al bambino di...
Read More
PROGETTO LINGUA INGLESE – “STEP BY STEP”

PROGETTO LINGUA INGLESE – “STEP BY STEP”

  INSEGNANTE: Latino Ilaria   PREMESSA: L’apprendimento della lingua inglese alla scuola dell’infanzia sta assumendo sempre più importanza poiché l’età...
Read More
IL MONDO COM’E’? E’ FATTO PER ME!

IL MONDO COM’E’? E’ FATTO PER ME!

Il mondo com'è? E’ fatto per me! Sarà il titolo del progetto educativo per l'anno scolastico 2015/2016. Provando ad analizzare...
Read More

 

SFONDO INTEGRATORE

Lo sfondo integratore costruisce una realtà motivante dove diversi percorsi vengono legati tra loro, in un contesto dinamico, da un personaggio fantastico, una storia, un ambiente. Viene scelta una tematica che risulti articolarmente accattivante per i bambini: la sua iniziale funzione, infatti, è quella di costituire uno stimolante ‘incipit’ e poi un  erreno unificante ma anche ‘motivante’ per l’intero percorso delle esperienze che si andranno a proporre e che, nel contesto sfondo, assumeranno una particolare valenza significativa. Permette di attuare una progettazione dove si possano valutare i veri interessi e le competenze dei bambini dai quali poi dare vita a nuovi nuclei progettuali. Lo sfondo integratore offre anche un terreno di continuità con le famiglie che, adeguatamente informate sul tema scelto, hanno la possibilità di domandare, rispondere, parlare con il bambino, a casa, su quanto egli stia scoprendo e operando a scuola. Lo sfondo scelto sarà il medesimo per tutte le sezioni della scuola, varieranno per ciascuna fascia di età gli obiettivi che saranno graduati su tre diversi livelli.

METODOLOGIA

La scelta del metodo dipende dal tipo di obiettivi che ci si propone di raggiungere e riguarda i modi attraverso i quali si vuole promuovere l’apprendimento. La scelta del metodo didattico quindi avviene attraverso una decisione ponderata dal team insegnanti in base all’unità d’apprendimento e alle risposte degli alunni e soprattutto dopo attente osservazioni del gruppo.

I principali metodi didattici a cui le insegnanti fanno riferimento

Metoto educativo attivo

Questo metodo pedagogico di apprendimento attivo presuppone l’ideazione e la conduzione di giochi di ruolo e di simulazione della realtà, facendo calare il bambino in una “realtà fantastica”, con coinvolgimento emotivo e intellettuale, che scaturisce dalla consapevolezza di essere diversi dalla vita ordinaria, educando così il bambino all’assunzione di ruoli sociali.

Metodi di discussione Metodo dell’ascolto attivo il Circle Time

Da’ la possibilità di dialogare di effettuare riflessioni personali dei propri vissuti. Di esprimersi senza condizionamenti. E’ lo strumento privilegiato per favorire l’acquisizione di competenze socio affettive e viene per tanto  chiamato circle time, il tempo del cerchio o cerchio magico. Nel circle time viene sviluppata la capacità di rispettare il pensiero dell’altro pur esprimendo il proprio, di mediare tra più idee, di riconoscere un argomento, di rispettare il tempo degli altri, di non deridere idee o sentimenti diversi dai propri. Fa sì che chi ha difficoltà ad esprimersi nel gruppo venga guidato a sviluppare tale competenza.

Metodo Problem Solving e Brain Storming

Fa si che i bambini vengano guidati nell’osservazione, nella sperimentazione dell’ambiente, permette di affrontare situazioni problematiche, di formulare ipotesi e di cercare strategie risolutive.

Metodo laboratoriale

Permette di sperimentare, attraverso attività pratiche, l’esplorazione del reale. A tal scopo vengono creati laboratori specifici che, a seconda della scelta delle insegnanti, saranno presenti nelle varie unità didattiche.

Cooperative learning

Attivazione del lavoro di gruppo e cosi del tutoraggio tra pari dove il bambino piccolo prende esempio dal più grande nello svolgimento delle attività e dove il bambino più grande si prende cura di chi è più piccolo sviluppando il senso di responsabilità e quello empatico verso il prossimo.